Alla Ricerca di Nemo

alla ricerca di nemo 04Il piccolo Nemo è un pesce pagliaccio con una pinna atrofizzata. Orfano di madre, il padre Marlin è iper-apprensivo e lo tiene lontano da ogni pericolo, anche immaginario. Sfortunatamente Nemo viene catturato da un dentista che lo rinchiude nel suo acquario. Ora tocca a Marlin attraversare il mare per ritrovare il suo piccolo. Nella ricerca viene affiancato, non sono sicuro si possa dire aiutato, da Dory, un pesce femmina la cui memoria dura circa tre secondi. Durante il viaggio Marlin incontrerà altri abitanti del mare e affronterà diverse difficoltà. Intanto anche Nemo, se pur con una pinna più piccola, avrà il suo bel da fare per cercare di scappare dall’acquario in cui è rinchiuso con un assortimento di altri pesci tutti particolari. Come al solito con Pixar non si sbaglia.

- Signor Tartaruga… – No, bello, Signor Tartaruga sa di vecchio, chiamami Scorza.

Con Nemo la Pixar colpisce ancora. La simpatia per il piccolo pesce con una pinna atrofizzata è immediata, ed il padre che non lo lascia allontanare un secondo dalla sua protezione dopo la morte della moglie è un esempio reale di padre. Ed è proprio nel rapporto padre-figlio che la Pixar ha messo vari livelli di lettura, che sicuramente contribuiranno a commuovere molti padri. L’animazione al solito è al massimo per il periodo, nonostante le difficoltà di ambientare tutto sott’acqua, con distorsioni, riflessi, sospensioni, ecc. I personaggi che Marlin incontra nel suo viaggio sono dei comprimari molto validi, in particolare la smemorata Dory e Scorza e suo figlio Guizzo, tartarughe marine. Nemo è diventato il beniamino di un sacco di bambini, sia per l’aspetto colorato e simpatico, sia per la naturale empatia che suscita a causa della sua leggera menomazione. Come detto, con Pixar non si sbaglia.

Titolo Originale: Finding Nemo
Durata: 1 ora e 37 minuti
Sito Ufficiale: alla-ricerca-di-nemo

Lascia una risposta