Blow-up

Blow-Up 04Un film particolare, il primo in inglese di Michelangelo Antonioni. Un fotografo di moda, che vive nel mondo in delirio della Londra anni ’60, ingrandendo uno scatto fatto in un parco, crede di vedere le prove di un omicidio. Thomas aveva fotografato di nascosto una coppia di amanti, ma la donna lo scopre e viene da lui in studio esigendo il rullino. La inganna dandole un rullino vuoto, ma poi vuole capire il perché dell’insistenza della donna, quindi guarda le fotografie e le ingrandisce, da qui il titolo. Negli ingrandimenti crede di vedere le prove di un delitto, e decide di tornare nel parco per verificare. Ed, in effetti, trova il cadavere dell’amante della donna. Rientrando in studio avrà però un’amara sorpresa.

Non è colpa mia se non c’è pace. C’è chi fa il torero, il deputato. Io faccio il fotografo…

Il film, ed il suo regista, hanno ottenuto diversi riconoscimenti. Il film risulta un po’ lento, ma le scene di azione sono convincenti ed i momenti in cui il fotografo crea sono, anche se un po’ esagerati, quelli ripresi dalla swinging London degli anni ’60. Il film è bello ed interessante, anche per lo spaccato storico, in tutta la parte iniziale e centrale, ma rallenta e perde un po’, perdendosi anche in una serie di allegorie e metafore, sul finale. Sicuramente un film interessante che rimane un punto fermo nel cinema inglese. I fotografi, in particolare quelli di moda, non possono non vederlo almeno una volta.

Titolo Originale: Blow-Up
Durata: 1 ora e 46 minuti

Lascia una risposta