Taxxi

taxxi 03E’ un uccello? E’ un aereo? E’ Superman? No, è un taxi! Per la precisione è una Peugeot 406 ‘leggermente’ modificata ed immatricolata come taxi a Marsiglia. Alla guida Daniel, ex fattorino spericolato ed ora tassista spericolato. Daniel si imbatte in Èmilien, un ispettore di polizia un po’ imbranato, totalmente incapace alla guida, ha fallito infinite volte il test per la patente. Émilien prende per caso il taxi di Daniel per andare al lavoro, E Daniel guida come al suo solito, cioè seguendo le regole dei jet e non delle macchine. Émilien ricatta quindi Daniel, o paga le numerose contravvenzioni che gli ha elevato per la sua guida spericolata, o lo aiuta a catturare una banda di banditi assi del volante, alla guida di tre Mercedes. In questo aggiungere un capo della polizia molto particolare, la collega Petra, di cui Émilien è innamorato, e molta, molta velocità. Operazione Zen.

Fiori! Li possiamo fumare?

Luc Besson firma il primo di una serie di episodi in cui troviamo un ispettore, un quasi malfattore, che sono diventati improbabili amici, ed un taxi che ne combina di tutti i colori. Il film, una commedia segnata dal tipico umorismo francese, è veramente godibile e divertente. La caratterizzazione dei personaggi è molto ben fatta, la storia non è particolarmente complessa, ma sufficiente allo scopo, quello di far ridere e di esaltare le prestazioni di velocità di questo pazzo taxi (la doppia x di Taxxi è stata aggiunta solo in Italia… mah!). Daniel è molto bravo, acuto ed un po’ allergico alla polizia. Émilien, innamorato della valchiria Petra, è imbranato e fin troppo tenero. Menzione d’onore per il capo della polizia, il commissario Gibert, con le sue operazioni strampalate. Allarme generaaaaaale!

Titolo Originale: Taxi
Durata: 1 ora e 26 minuti

Lascia una risposta