Tre Film a Caso

Stasera mi sento fortunato, quindi scelgo a caso. Ho deciso che guarderò uno di questi tre:

Nella Valle di Elah

nella valle di elahTratto da una storia vera, con un cast di tutto rispetto, Tommy Lee Jones, Charlize Theron, Susan Sarandon e James Franco, non poteva non uscire un film interessante. Hank Deerfield è un padre, ex poliziotto militare, il cui figlio Mike risulta assente dalla base militare e potrebbe aver disertato. Incontra parecchi problemi nelle sue indagini sia a causa del corpo militare, sia della polizia locale. Solo una detective, Emily Sanders, lo aiuta. Le loro ricerche portano al ritrovamento del corpo di Mike, ucciso in libera uscita con 42 coltellate. Riavvolge quindi la storia del figlio per cercare di capire cosa gli è successo, trovando cose che non avrebbe sospettato, ne desiderato.

[Leggi la recensione completa]

Italiano Medio

Opera prima di Maccio Capatonda, nome d’arte di Marcello Macchia, comico italiano noto al grande pubblico per i suoi sketch assurdi, è la storia di Giulio Verme, un quarantenne vegano, ambientalista e animalista in piena crisi esistenziale, dovuta all’incapacità di vivere assieme ai suoi menefreghisti concittadini, preoccupati solo del risultato della partita o del vincitore del reality show del momento. Un incontro fortuito lo porterà verso un percorso potenzialmente distruttivo e alienante, ma che alla fine gli permetterà di comprendere le motivazioni e le passioni delle persone che gli gravitano attorno, spingendolo a domandarsi se vale la pena continuare le sue battaglie o uniformarsi a tutti gli altri.

[Leggi la recensione completa]

I Love Shopping

I Love Shopping 04Becky ama lo shopping. Va in visibilio davanti alle vetrine e non diciamo di che effetto le fanno i saldi! Vorrebbe essere assunta in una rivista di moda, Alette, il suo sogno per scrivere di ciò che ama, avere accesso a ciò che ama… e per avere un po’ di soldi per saldare i debiti delle varie carte di credito. Per errore però manda il curriculum ad una rivista finanziaria, ed, ironicamente, viene assunta, pur non sapendo assolutamente niente di finanza. Con lo pseudonimo di ‘La ragazza dalla sciarpa verde’ inizia quindi a dare consigli finanziare usando il paragone della moda. In tutto questo si ritrova ad innamorarsi del suo capo, a correre per acquisti, a scappare dal recupero crediti, in un insieme continuo di gag, scenette ed equivoci. Con tante borse e scarpe in mezzo.

[Leggi la recensione completa]