Adam

adam 04Adam ha l’asperger. E’ una sindrome simile all’autismo, ma con molta più interazione con il mondo e maggiore autonomia, anche se obbliga i malati a gesti ripetitivi, una certa necessità per la routine ed una scarsa empatia verso gli altri. Non intacca però la vita lavorativa, infatti Adam è un brillante ingegnere. Beth è una giovane scrittrice di libri per bambini. Uscita da una storia complicata si trasferisce nel palazzo di Adam, e fra i due nasce rapidamente un’amicizia che dopo poco si trasforma in amore. La loro storia, però, è complicata dalle difficoltà di Adam ad adattarsi ad una vita sociale normale a causa della sua malattia. A complicare il tutto anche il lavoro di Adam e la sua passione per l’astronomia, e le vicende giudiziarie del padre di Beth. Sembra, ma non scontato.

[leggi la recensione completa]

Invictus – L’invincibile

Invictus 01Il titolo “Invictus” è ripreso dall’omonima poesia di W.E. Henley, autore ottocentesco recitato da Mandela durante i suoi estenuanti ventitre anni di carcere. Il Mandela del film è di nuovo un uomo libero e vuole ridare la libertà alla sua gente. La storia è ambientata in Sud Africa quando Nelson Mandela (interpretato da Morgan Freeman) diventa il primo presidente di colore della storia del suo paese. Il Sud Africa è appena uscito dal periodo dell’apartheid, ma la nazione è ancora divisa dall’odio tra i bianchi afrikaner e i neri. Mandela ha allora una geniale intuizione: solo lo sport può saldare questa insanabile frattura perché parla una lingua che tutti comprendono. In vista della Coppa del Mondo di rugby del 1995, entra in contatto con il capitano della squadra  Nazionale degli Springboks (Nazionale di rugby Sudafricana) Francois Pienaar (interpretato da Matt Damon) e, tramite successivi eventi, il 24 giugno 1995 la squadra arriva a vincere inaspettatamente la finale contro gli irraggiungibili All Blacks. Questa vittoria rappresenta il simbolo di una rinata conciliazione tra neri e bianchi.

[leggi la recensione completa]

Parnassus – L’Uomo che Voleva Ingannare il Diavolo

Parnassus 04Il Dottor Parnassus è immortale. Ha stipulato un patto con il diavolo, nell’incarnazione di Mr. Nick, grazie ad una scommessa vinta. Il Dottor Parnassus ha anche uno spettacolo itinerante, il suo carrozzone si ferma in ogni piazza e paese per rappresentarlo. Al centro di tutto uno specchio, uno specchio magico, che consente, a chi lo attraversa, di realizzare qualsiasi suo desiderio. Insieme a lui il giovane Anton, il nano Percy e la figlia Valentina. Durante il viaggio si aggiunge al gruppo Tony, affascinante ladro con seri problemi con i suoi ‘colleghi’. Ora il patto con il crudele Mr. Tony è prossimo ad un traguardo. Il compleanno di Valentina, che compirà fra poco 16 anni, e, stando al patto, l’anima di Valentina diventerà di proprietà del diavolo.

[leggi la recensione completa]

Immagina che…

Immagina che 04Evan Danielson ha per la testa solo gli affari. Mago della finanza, lotta per una promozione che lo porterà ad un livello molto più alto. Evan è separato, ed ha una figlia, Olivia, ma la trascura pensando sempre al lavoro. Sua figlia ha un’immaginazione grandissima, una copertina da cui non si vuole mai staccare e delle amiche immaginarie. Un bel giorno, portatosi il lavoro a casa, sua figlia riferisce quello che hanno detto le amiche immaginarie, sotto forma metafora, delle aziende che esamina il padre. Si scopre che rispondeva a verità. Evan chiede altre informazioni alle amichette ed ottiene altre informazioni preziose, tanto che, per continuare ad averne, entra nel mondo immaginato da Olivia.

[leggi la recensione completa]

I Love Shopping

I Love Shopping 04Becky ama lo shopping. Va in visibilio davanti alle vetrine e non diciamo di che effetto le fanno i saldi! Vorrebbe essere assunta in una rivista di moda, Alette, il suo sogno per scrivere di ciò che ama, avere accesso a ciò che ama… e per avere un po’ di soldi per saldare i debiti delle varie carte di credito. Per errore però manda il curriculum ad una rivista finanziaria, ed, ironicamente, viene assunta, pur non sapendo assolutamente niente di finanza. Con lo pseudonimo di ‘La ragazza dalla sciarpa verde’ inizia quindi a dare consigli finanziare usando il paragone della moda. In tutto questo si ritrova ad innamorarsi del suo capo, a correre per acquisti, a scappare dal recupero crediti, in un insieme continuo di gag, scenette ed equivoci. Con tante borse e scarpe in mezzo.

[leggi la recensione completa]

I Love Radio Rock

I Love Radio Rock 04Negli anni ’60 in America le radio rock spopolavano. In Inghilterra invece la musica Rock era relegata alle radio pirata, che trasmettevano rock e pop 24 ore al giorno. Il ministro Dormandy decide di ingaggiare battaglia con queste radio cercando un cavillo legale per farle chiudere. Una di queste radio, Radio Rock, trasmette da una nave al largo del Mare del Nord. Il film salta dalla vita irregolare e particolare, ma veramente libera, a bordo della nave al mondo chiuso ed austero del ministro Dormandy e del suo aiutante Twatt. Un fantastico spaccato dell’epoca con una comicità satirica e tanta fantastica musica.

[leggi la recensione completa]

Cella 211

cella 211 04Quando si dice la giornata no. Juan Oliver si presenta con un giorno di anticipo al carcere per il suo lavoro da secondino. Peccato che proprio quel giorno cada un pezzo di intonaco dal soffitto e lo colpisca in testa. Per soccorrerlo i secondini lo mettono un attimo in una cella vuota, la 211. Peccato anche che proprio in quel momento in carcere scoppi una rivolta, capeggiata da Malamadre. Peccato che fuori lo aspetti la moglie incinta e che per sopravvivere Juan debba fingersi anche lui un carcerato. Peccato.

[leggi la recensione completa]

Una Notte da Leoni

una notte da leoni 04Un’esilarante commedia ambientata a Las Vegas. Un gruppo di amici va a Vegas per festeggiare l’addio al nubilato di Doug. Qualcosa va storto e per errore vengono drogati. L’indomani si svegliano e non ricordano niente. Perché a Stu manchi un dente. Di chi sia il bambino che hanno in camera. E perché nel bagno c’è una tigre. Ma soprattutto non sanno dove sia Doug! Una serie di situazioni tragiche e comiche che, con l’ottima performance degli attori, creano un susseguirsi di risate a crepapelle.

[leggi la recensione completa]

Donne Senza Uomini

Donne senza uomini 04Siamo a Tehran, 1953. E’ in corso la guerra con l’europa per liberare la Persia e renderla indipendente. Quattro donne, diversa cultura, diversa estrazione sociale, diverse storie, sono tutte accomunate da un obbiettivo. Liberarsi e cambiare il proprio destino, scritto dagli uomini della propria famiglia senza nemmeno essere state consultate. Tratto da un libro di Shahrnush Parsipur, segna l’esordio alla regia di Shirin Neshat, artista e fotografa iraniana che vive in America. Un film intenso che narra di come le donne vivano in una struttura chiusa e non possano cambiare la loro vita, se non con ribellione e spesso pagando il prezzo più alto.

[leggi la recensione completa]

District 9

Layout 1E’ un film di fantascienza, ma non come la si pensa normalmente. Johannesburg. Anni ’80. Primo incontro con gli alieni. Una gigantesca astronave arriva sopra la città e li si ferma, senza fare altro. Dopo alcune settimane una spedizione verifica il contenuto della nave. Milioni di alieni che non sono certamente una minaccia. Sporchi, denutriti, non sono in grado di combattere o ripartire. Vengono quindi trasportati a terra e curati. L’integrazione non funziona e vengono quindi messi in un campo profughi nella periferia. Il Distretto 9. Un film che tratta di xenofobia e apartheid utilizzando gli alieni. E non sono loro i cattivi.

[leggi la recensione completa]